Asportazione delle ghiandole sudoripare

Per la maggior parte delle persone la sudorazione è molto sgradevole. Un’eccessiva sudorazione ascellare, in particolare anche nelle giornate fresche e senza sforzo fisico, rappresenta un grande problema per le persone che ne soffrono. In loro aiuto la moderna chirurgia plastica propone come soluzione l’asportazione delle ghiandole sudoripare.

Dopo i trattamenti preliminari che prevedono anche un test dell’amido con lo iodio e la tecnica tumescente, si procede con l’aspirazione. Le ghiandole sudoripare vengono aspirate con piccolissime incisioni sotto la superficie cutanea e quindi fasciate concerotti chirurgici e bendaggi. I bendaggi devono essere tenuti per circa una settimana dopo l’intervento. In questo tipo di trattamento un risultato sarà visibile solo dopo circa 6 mesi, ma è duraturo. I i pazienti vengono dimessi circa uno o due ore dopo l’intervento chirurgico e possono andare a casa.
Raramente in questo trattamento si manifestano complicanze. Possono tuttavia evidenziare formazione di cicatrici, sanguinamenti o problemi nel processo di cicatrizzazione che devono essere trattati successivamente.

Occorre ricordare che in caso di complicanze e/o trattamenti successivi connessi con l’asportazione delle ghiandole sudoripare eseguita per motivi estetici, l’assistenza sanitaria non copre più interamente i costi dei trattamenti medici necessari. Il rischio finanziario associato per il paziente può essere assorbito stipulando l’ assicurazione sui costi dei trattamenti di eventuali complicanze di safe4beauty.

Torna alla panoramica